APOCALISSE EBRAICA – LIBRO DELLA RIVELAZIONE DI BARUC

[…]

Ti ho tracciata sul palmo delle mani.

[…]

Gli anni di ora sono pochi e cattivi, e chi potrà in questo breve tempo ereditare quel che non ha misura? Presso l’Altissimo non conta un tempo lungo e neppure pochi anni. Colui che ha dato la luce ha preso dalla luce, ma pochi sono coloro che gli sono stati simili. Ecco, ho posto davanti a voi la vita e la morte, e hanno testimoniato contro di voi il cielo e la terra. Sapeva infatti che il suo tempo era breve, ma il cielo e la terra sono in ogni tempo.

[…]

Sempre cambia la natura degli uomini. O non è infatti vero che ora siamo come eravamo prima e che poi non resteremo come siamo ora? Di fatto, se non vi fosse un compimento per tutto, invano sarebbe stato il nostro inizio.